top of page
alex-perez-pEgsWN0kwbQ-unsplash.jpg

Ricevi la newsletter settimanale coi nuovi post

Grazie, ci sentiamo via email!

Accettalo: in realtà tu sei anche brutto, sporco e cattivo - e va bene così.

La “regola” fondamentale del lavoro di integrazione del ”Lato oscuro” è accettare l’inevitabile presenza, nella propria personalità, di energie “scomode”, rinnegate e nascoste perché non ammesse dal nostro ego - l’idea mentale che abbiamo creato su chi dobbiamo essere.

Queste energie ”oscure” e “scomode” sono parte integrante del prendere parte all’esperienza umana. Ognuno di noi si fa carico di un pezzetto di materiale oscuro collettivo.

Possiamo scegliere di contribuire imparando a trasmutare questo materiale oscuro, oppure stra-fregarcene e tenerci stretta la nostra maschera sociale perfetta e impeccabile. Nessun giudizio di sorta, la scelta sta a noi.

Ma va detto: l’oscurità è parte di questa esperienza umana e girare gli occhi dall’altra parte perché non ci piace l’idea di avere a che fare con un lato Oscuro non farà sparire l’oscurità, anzi… La farà “incazzare” ancora di più.

Del resto, tutto ciò che cerca questa oscurità umana, fuori e dentro di noi, è Attenzione, Amore e Accettazione.

Ma l’ego invece vuole girare gli occhi dall’altra parte perché l’Oscurità è brutta e puzzolente - che schifo, che vergogna! - e così crea un’ombra.

Reprimere parti della nostra personalità crea una frammentazione nella totalità del Sé, una continua lotta interna, e questo finisce a dare a queste parti più potere, non meno, perché non ne siamo totalmente coscienti.

Queste parti verranno comunque fuori… Solo che lo faranno in modi imprevisti e indesiderati, senza che noi possiamo esserne padroni.

Ciò che è nascosto alla vista della nostra Coscienza viene proiettato cento volte tanto nella nostra realtà.

//


Ora voi direte, e quindi dobbiamo rassegnarci a essere brutti, sporchi, cattivi e imperfetti?

Sì, e no.

Il primo passo è sì: accettare che quelle energie sono PRESENTI nella personalità umana e non possono essere negate, che condannandole e giudicandole aspramente si accentuano, non si indeboliscono.


Il secondo passo è scoprire che attraverso questa accettazione possiamo imparare a lavorare INSIEME a queste energie. Accogliendole possiamo dialogarci, e così renderle in un certo qual modo nostre alleate. Possiamo interrogarci sul bisogno più profondo che sta sotto alla loro manifestazione - cosa stanno cercando di dirci esattamente? Cosa stanno cercando di ottenere? La maggior parte delle volte, sono portatrici di un messaggio.


Il terzo passo, è scoprire che accogliendole e non più snobbandole, queste energie si trasformano. Perdono la connotazione “brutta e cattiva” e rivelano un’inaspettata e potentissima Luce. Si manifestano alla cosiddetta “ottava più alta”.

MAGIA DELLA TRASMUTAZIONE!

Kommentare


© 2023 Silvia Frattali - Privacy Policy - Termini & Condizioni

  • Instagram
  • YouTube
  • Telegram
  • TikTok
  • SoundCloud
  • Email
bottom of page